vuoto

Miniere ricche di storia

All'inizio dell'Ottocento in Sardegna erano presenti 59 miniere, da queste si estraeva in particolare piombo, ferro, rame e argento. L'abbondante presenza dei minerali richiamò l'attenzione di imprenditori piemontesi, liguri e di altre nazionalità europee, si costituirono così le prime società con lo scopo di sfruttare i giacimenti sardi.

 

Lo sviluppo dell'industria estrattiva in Sardegna attirò ingegneri, geologi, impiegati amministrativi e manodopera da tutta Italia.
La maggior parte delle Società minerarie che operavano in Sardegna erano formate da capitali non sardi. Un'eccezione fu quella dall'imprenditore sardo Giovanni Antonio Sanna che nel 1848 ottenne una concessione perpetua su circa 1200 ettari situati nella zona di Montevecchio. Alle miniere di Buggerru, nel Sulcis Iglesiente, è legata anche in parte la storia dei diritti dei lavoratori di tutta Italia.

 

Dal 1865 in poi al piombo e all'argento, che erano stati fino ad allora i minerali principalmente estratti nell'iIsola, si affiancò lo zinco, la cui presenza fu scoperta proprio nella seconda metà del 1800 nella miniera di Malfidano a Buggerru.
Nei periodi di maggior splendore il giacimento del Sarrabus arrivò ad occupare anche 1500 operai, distribuiti tra le miniere di Masaloni, Giovanni Bonu, Monte Narba, Perd'Arba, Baccu Arrodas, Tuviois, S'erra e S'Ilixi e Nicola Secci.

 

Nel dopoguerra le attività minerarie continuarono con ottime produzioni nei distretti più importanti. A partire dagli anni settanta il settore entrò gradatamente in crisi per il progressivo esaurimento dei giacimenti, non più sfruttabili economicamente. La chiusura è avvenuta negli anni novanta, prima con il distretto di Montevecchio, successivamente con quello di Iglesias.

Gli antichi villaggi minerari, con la loro struttura urbana e i loro capannoni e macchinari, rientrano oggi fra i centri di Archeologia industriale fra i più visitati e apprezzati da studiosi, appassionati e visitatori.

_______________________

L'APPROFONDIMENTO

Aree archeologia industriale file [PDF]

 

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 04.02.2017 al 04.03.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
Dal 18.12.2016 al 26.02.2017
Dal 28.01.2017 al 04.03.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 04.02.2017 al 05.03.2017
Dal 17.02.2017 al 21.05.2017
Dal 17.02.2017 al 31.05.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017