vuoto

Insaccati

Esposizione di insaccati della tradizione gastronomica sarda

In Sardegna è molto diffuso il consumo degli insaccati. L'insaccato più diffuso e anche il più conosciuto è il famoso salame sardo. I due luoghi sardi di maggiore produzione sono Irgoli, nella provincia di Nuoro, e Villacidro, nella provincia del Medio Campidano. In questi due centri sono presenti due grossi poli di produzione industriale di insaccati conosciuti e apprezzati in tutta la Sardegna e talvolta esportati nell'intero territorio nazionale. In Sardegna è inoltre presente la produzione di salame di cinghiale, asino e capra. La raffinatezza e il gusto deciso e forte di questi prodotti fanno di essi un alimento ricercato e apprezzato dai turisti. Oltre che per i salami, la Sardegna si distingue per la produzione di altri due insaccati tipici: il capocollo e il sanguinaccio, pietanze tipiche della cucina agro-pastorale. Oggi la loro prelibatezza è riconosciuta in tutto il territorio isolano per via delle ottime qualità organolettiche e per via di un processo di produzione garantito che segue una metodologia improntata all'antica arte di preparazione degli insaccati.

Nelle vicinanze

Teti, santuario di Abini
aree archeologiche
Il villaggio-santuario di Abini, situato lungo il fiume...
Teti, Museo Archeologico Comprensoriale
musei
Il museo ospita i materiali archeologici provenienti dal...
Teti, villaggio di S'Urbale
aree archeologiche
Il villaggio è situato nella regione del Mandrolisai  verso...
Austis, Sa Crabarissa
paesi
Austis è immersa nelle montagne del Mandrolisai ed è...
paesi
Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno, immerso in una...
Nughedu Santa Vittoria, museo naturalistico
musei
È allestito all'interno dell'Oasi di Assai, uno splendido...
aree archeologiche
Sul fiume Tino si trova un'antica gualchiera ad acqua,...
Panoramica del Lago di Gusana
laghi e stagni
Il lago di Gusana venne realizzato tra il 1959 e il 1961...
paesi
Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolisai ed è tutt'oggi...
Dal 18.12.2016 al 26.02.2017
Dal 16.12.2016 al 26.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 21.10.2016 al 05.02.2017
Dal 28.01.2017 al 29.01.2017
Dal 26.02.2017 al 28.02.2017
Dal 29.01.2017 al 30.01.2017
Dal 28.12.2016 al 09.04.2017
Dal 08.01.2017 al 31.03.2017